We Go Outside Too: Il Potere Curativo della Natura

Trekking in Spagna con We Go Outside Too

Fondato nel 2020 da Marlon Patrice, We Go Outside Too (WGOT) è un gruppo comunitario del Regno Unito che mira a abilitare ed emancipare le comunità nere delle città attraverso attività all'aperto. Marlon Patrice è diventato una figura di spicco nell'industria outdoor da allora, sostenendo i benefici positivi che la natura e l'aria aperta apportano per sostenere il benessere. Abbiamo invitato WGOT a unirsi a noi per un'escursione in Spagna per scoprire di più su chi sono e cosa rappresentano.

 

Chi sono WGOT?

 

Nel 2020, ho tragicamente perso mio figlio Nasir per un crimine con coltello. Il crimine con coltello era una preoccupazione per la comunità urbana, ma non avrei mai immaginato che potesse accadere alla nostra famiglia. Ho scoperto che stare all'aria aperta mi ha aiutato a elaborare il mio dolore e mi ha fornito un po' di conforto. Ho scoperto il potere curativo che la natura porta con sé e ho capito allora che volevo condividere i benefici positivi che porta con sé con gli altri.

Ho fondato We Go Outside Too per offrire ai giovani della zona opportunità di accedere a attività all'aperto basate sulla natura, al fine di migliorare la salute e il benessere. La mia speranza era trovare un modo per aiutare i giovani della mia comunità nera locale a rimanere lontani dalle gang e dalla violenza, incoraggiando la pace e l'unità per prevenire future tragedie come la nostra.

 

Perché ritieni che stare all'aria aperta sia importante?

Per il WGOT, l'ambiente esterno simboleggia libertà, connessione e avventura. Il nostro ethos è quello di fornire uno spazio sicuro e un'opportunità per la comunità di riunirsi ed esplorare il mondo naturale.

Essere nella natura è un'esperienza di guarigione. Ci consente di allontanarci dalle nostre ansie e concentrarci sul momento presente insieme. Mi ha insegnato ad apprezzare ogni istante del viaggio e permettere alla vita di svolgersi senza sentirsi in dovere di controllarla.

Circondati da buona compagnia, si ha un vero senso di appartenenza. Alla fine, quando siamo in escursione, stiamo tutti affrontando la stessa esperienza umana e le sfide che comporta. Prendendoci cura gli uni degli altri e lavorando come squadra, si crea un legame forte e ci supportiamo sempre reciprocamente. Il nostro viaggio in Spagna ne è stato un buon esempio.

Come gruppo, abbiamo molta esperienza nel percorrere sentieri più brevi attraverso le colline inglesi ondulate, ma di solito non affrontiamo escursioni più lunghe in terreni più difficili come abbiamo fatto in Spagna. È stata una sfida, ma insieme siamo riusciti a completare ogni tratto dell'escursione in modo divertente.

 

Dove avete fatto trekking in Spagna?

Abbiamo fatto trekking a La Catedral del Senderismo, conosciuta come "La Cattedrale dell'Escursionismo". È un percorso circolare di 14 km intorno al Barranc de l'Infern che inizia a un'altitudine iniziale di 440 m nel paese di Fleix nel comune di La Vall de Laguar. Il percorso è anche indicato come PR-CV 147 ed è ben segnalato lungo il cammino.

Avanzando a zig-zag lungo il percorso, ogni vista del paesaggio era mozzafiato. La mia parte preferita dell'escursione è stata raggiungere il secondo picco più alto, poco oltre il punto di metà percorso. Da lì, nella lontananza dietro di te, puoi vedere il punto di partenza del sentiero. Ho provato una vera sensazione di realizzazione in quel momento, che mi ha davvero spinto a completare il percorso. Guardando avanti alla prossima sezione del sentiero, puoi vedere un paesaggio completamente diverso con alberi bruciati e fiori bianchi. È una delle vedute più belle del percorso.

 

Qual è stato il momento più gratificante?

Anche se il percorso che abbiamo seguito non era tecnicamente difficile, è stato fisicamente impegnativo a causa delle continue salite e discese, e del terreno ripido e roccioso. Ha davvero messo alla prova sia la nostra resistenza fisica che mentale. A volte il mio corpo sembrava voler smettere, ma ci siamo tutti sostenuti a vicenda e abbiamo ascoltato i nostri corpi quando avevamo bisogno di riposare. Ero contento di farlo con i miei amici perché sembrava che stessimo vivendo insieme un viaggio di 'guarigione collettiva'.

È stata un'esperienza gratificante poter creare uno spazio sicuro per essere vulnerabili e godere della compagnia degli altri, senza sentire la necessità di essere qualcun altro oltre che noi stessi. Ho potuto essere me stesso, e ho potuto vedere i miei amici essere se stessi anche loro. Vederli essere curiosi, pazzi, creativi e tutto quanto in mezzo, è qualcosa per cui sono qui! Abbiamo anche apprezzato conoscere nuovi volti e apprendere le loro storie ed esperienze all'aperto, permettendoci di diventare più vicini l'uno all'altro.

Al di fuori dell'escursione, ho anche apprezzato l'esperienza dell'approccio culturale spagnolo alla vita lenta. Il ritmo era molto diverso rispetto al Regno Unito, il che è stato rinfrescante da osservare. È stato interessante vedere quanto sia importante per le persone e le famiglie in Spagna connettersi mangiando e conversando intorno al tavolo da pranzo, portando unità e interazione all'interno della famiglia. Abbiamo sempre normalizzato il lavoro costante e dimentichiamo che siamo umani, con un corpo e un'anima che hanno bisogno di riposo, svago, silenzio e spazio solo per essere.

Qual è il prossimo passo per WGOT?

Per saperne di più su We Go Outside Too, visita il loro sito web wegooutsidetoo.com o segui @wegooutsidetoo su Facebook, Instagram, Twitter e Linkedin.

#ospreypack

Impegnati ogni giorno con @osprey